Strutture portanti per costruzioni architettoniche

Le linee di prodotti per strutture architettoniche portanti offrono una vasta gamma di soluzioni, dai materiali strutturali alle travi e colonne, progettate per fornire resistenza e stabilità essenziali. La qualità e l'innovazione si uniscono per sostenere la struttura degli edifici, facilitando la creazione di progetti architettonici robusti e affidabili.

Strutture portanti per costruzioni architettoniche
Ristrutturazione edificio Villafranca con sistema ripristino e consolidamento strutturale FerriTECHNIC 

Ferri

Sistema ripristino e consolidamento strutturale | FerriTECHNIC
Ferri ha sviluppato Sistema ripristino e consolidamento strutturale FerriTECHNIC attraverso l’utilizzo di una gamma di materiali di nuova concezione e tecniche innovative, più efficaci e più semplici da applicare come malte e betoncini strutturali idonei al ripristino e consolidamento di pareti e facciate degradate, dove spesso convivono diversi elementi strutturali e costruttivi come calcestruzzo armato, intonaco e mattoni a vista a discapito della stabilità e del valore estetico delle facciate stesse. Inoltre a causa del degrado a cui sono esposti gli intonaci cementizi, anche la sicurezza può venir meno con il conseguente rischio di distacco di intonaco e pericolo di crollo. CARATTERISTICHE I danni che si possono manifestare in un edificio sono di diversa natura ed entità, a seconda dei casi il sistema per il Rifacimento dell Facciate lavora sulle macchie di umidità, che possono precludere le infiltrazioni fastidiose e dannose all’interno dell’edificio e sulle crepe. Il sistema per il Rinforzo Strutturale Armato, si avvale di una serie di prodotti, dalle reti, alle malte, alla biocalce e ai connettori in filato di vetro o carbonio, altamente prestanti anche nelle zone sismiche. Quando il cemento armato si degrada lasciando le armature non più sufficientemente protette soggette a ossidazione e aumento di volume, un corretto Ripristino del Calcestruzzo non può prescindere dal protegge bene le armature con prodotti certificati. l Calcestruzzo Struttuali freschi con formulazioni moderne dette autocompattanti assicurano un facciavista omogeneo e uniforme, che non richiedono. Inoltre della gamma dei prodotti sono presenti i Connettori adatti alle interconnessioni strutturali di murature anche in zona sismica.

Sonne batteria ambientata in un salotto

sonnen

Fornitura energia sonnenFlat 1500
La sonnenFlat è un sistema proposto dall'azienda Sonnen, che mira alla totale indipendenza energetica, ad un futuro più pulito ed economico, insieme alla sonnenBatterie. CARATTERISTICHE L'idea alla base della sonnenFlat è l'abbinamento ad un impianto fotovoltaico (garante del 75% di autonomia energetica annua) con il sistema sonnenBatterie. La sonnenFlat, infatti, ti garantisce il restante 25% di energia necessaria come ricompensa per aver messo a disposizione la propria sonnerBatteria alla rete elettrica nazionale. Aderendo alla sonnenFlat 1500 si può godere di un monitoraggio da parte del servizio che aiuti ad ottimizzare l'autoproduzione e l'autoconsumo nella propria abitazione, degli aggiornamenti software disponibili sul mercato per migliorare sempre di più il risparmio energetico, dei bonus energetici di 1500 kWh annui da usare quando se ne ha bisogno. La sonnenFlat, oltre a creare le basi per la rete elettrica del futuro, garantisce un'indipendenza al 100% e notevoli vantaggi economici.

Sistemi per il ripristino e la protezione del calcestruzzo

Settef

Sistemi per il ripristino e la protezione del calcestruzzo
I sistemi Settef per il ripristino del calcestruzzo si articolano secondo 4 fasi principali: 1. DIAGNOSI DELLA PATOLOGIA CHE HA DATO ORIGINE AL DEGRADO Nel ricorrere ai sistemi per il recupero del calcestruzzo degradato molto spesso non si tiene conto che è necessario innanzitutto eseguire un’attenta analisi della patologia ed individuarne la causa scatenante. 2. SCELTA DEL TIPO DI RIPRISTINO CHE S’INTENDE ADOTTARE Frequentemente la superficie del cemento armato mostra solo qualche traccia di ruggine provocata dai sali di ferro del tondino che costituiscono l’armatura. In questo caso è sufficiente lavare la superficie con acqua e acido cloridrico (soluzione al 10%) e risciacquare abbondantemente con acqua, aggiungendo infine la pittura protettiva. Se la corrosione del tondino ha raggiunto un livello tale da aver causato fessurazioni e distacchi di materiale cementizio, è necessario asportare il calcestruzzo in profondità attorno al tondino stesso, procedere alla pulizia, utilizzare un passivante, ricostruire la parte mancante, rasare e applicare un protettivo idoneo. 3. SCELTA DEI MATERIALI DA UTILIZZARE I prodotti Settef per il ripristino e la protezione del calcestruzzo sono specificamente formulati per assicurare la massima prestazione e garantire la tenuta e la durata nel tempo: 4. MESSA IN OPERA DEI MATERIALI ⦁ Calcestruzzo ammalorato Per procedere alla corretta messa in opera del sistema per il risanamento e la protezione dei calcestruzzi ammalorati occorre procedere secondo le fasi seguenti. Scarificare il calcestruzzo con idoneo mezzo meccanico fino a portare a vista i ferri di armatura da trattare. Eliminare la ruggine dai tondini con adeguata spazzolatura, fino a riportare il ferro a lucentezza metallica. Impastare BETONPRIMER e applicarlo a pennello sui ferri da passivare. Inumidire il fondo prima dell’applicazione di BETONRAPID HP che verrà effettuata mediante cazzuola o spatola. Sui ferri di armatura applicare BETONRAPID HP, subito dopo la presa di BETONPRIMER e comunque non oltre le 24 ore, mediante applicazione a “schiaffo’’. Completare la ricostruzione geometrica ed estetica, fresco su fresco, con BETONRAPID HP e rifinire direttamente con frattazzo di spugna. Nel caso di supporti particolarmente degradati ed assorbenti è necessaria l’applicazione preventiva di ISOLFLESS MV. Procedere quindi con l’applicazione di 2 mani di BETONSET MAR. ⦁ Calcestruzzo nuovo Per la protezione di calcestruzzi nuovi particolarmente assorbenti può essere necessaria l’applicazione preventiva di ISOLFLESS MV. Procedere quindi con l’applicazione di 2 mani di BETONSET MAR. TUTTI I PRODOTTI SETTEF SONO MARCATI CE, CONFORMIALLA NORMATIVA UNI EN 1504 (PRODOTTI E SISTEMI PERLA PROTEZIONE E LA RIPARAZIONE DELLE STRUTTURE INCALCESTRUZZO; RIPARAZIONE NON STRUTTURALE).

Ancoraggi ad iniezione per Consolidamenti edifici storici – GBOS

Bossong

Ancoraggi ad iniezione per Consolidamenti edifici storici – GBOS
Negli ultimi anni, vista l'attenzione crescente nei confronti del patrimonio edilizio esistente e della sua conservazione, gli interventi di recupero e di consolidamento sono sempre più frequenti. In particolare, nelle opere di consolidamento, l'azienda Bossong ha portato avanti ricerche su tecniche e materiali finalizzate al rinforzo delle strutture in muratura, proponendo ancoraggi ad iniezione controllata con calza per il consolidamento di edifici storici, denominati GBOS. CARATTERISTICHE L'elemento resistente degli ancoraggi è rappresentato da una barra in acciaio inossidabile, AISI 304 o AISI 316, ad alta resistenza (ft nom 750 N/mm2 - fy nom 650 N/mm2 ), con filettatura continua su tutta la lunghezza. Inoltre è dotato di una speciale calza in tessuto che ha la funzione di controllare l’iniezione della malta effettuata coassialmente, per mezzo di appositi dispositivi di iniezione, per rendere solidale l’elemento di rinforzo alla muratura. Oltre a permettere la buona riuscita delle operazioni di iniezione, evitando imprevedibili e spesso dannose dispersioni in vuoti e cavità che possono essere sempre presenti nelle strutture murarie esistenti, il controllo dell’iniezione offerto dalla calza garantisce la completa iniezione dell’ancoraggio su tutta la lunghezza ed una omogenea distribuzione degli sforzi sia attraverso l’aderenza del materiale iniettato al supporto che attraverso l’ingranamento meccanico che il bulbo iniettato sviluppa con la muratura interessata. La linea degli ancoraggi Bossong ad iniezione controllata è completa di un gamma di accessori in acciaio inossidabile AISI 316, manicotti di giunzione, manicotti tenditori, dadi, per soddisfare le diverse esigenze progettuali; si possono prevedere ancoraggi passivi, attivi con pre-sollecitatazione, ancoraggi verticali e con qualsiasi grado di inclinazione.

Solaio in polistirene espanso sinterizzato Plastbau

Poliespanso

Solaio in polistirene espanso sinterizzato | Plastbau Metal
I Solai in Polistirene espanso, o Solai Plasbau Metal, sono composti da un pannello-cassero autoportante in polisitrene espanso e profili metallici zincati a geometria variabile e a coibentazione termica incorporata. Questo unione tra la massa di espanso e gli inserti metallici al suo interno. Con questo tipo di sistemi è possibile la sostituzione di solai fatiscenti senza apportare aggravi di peso su strutture e fondazioni, oltre a una notevole facilitazione di installazione. E’ possibile inoltre ottimizzare gli spessori posizionando tutta l’impiantistica all’interno delle cave longitudinali nei pannelli. Caratteristica fondamentale di questo straordinario prodotto rimane la coibentazione senza ponti termici. Consente inoltre di ridurre al minimo gli spessori dei solai di copertura. I suoi vantaggi sono l’alto comfort abitativo, il risparmio energetico, la facilità di trasporto e di installazione. CARATTERISTICHE Nella Seri I - Intonaco i pannelli sono rivestiti all’intradosso di rete metallica in cui l’aggrappo della malta avviene senza alcuna difficoltà poiché la superficie di intradosso è già predisposta. Nella Serie C - Controsoffitto in pannelli sono distinati a rimanere grezzi per poi essere rivestiti con apposite pannellature sfruttando i lamierini inglobati nel pannello. La Serie S - Sanitari, sono pannelli non autoportanti, ma vengono messi in opera come solai sanitari al piano terra, appoggiati su un tetto di sabbia o come solai sovrapposti a strutture esistenti da sostituire.

Sistema Muro Plastbau 3

Poliespanso

Sistema Muro | Plastbau 3
Il Sistema Muro Plastbau 3, è un elemento cassero a misura per il getto di pareti portanti in calcestruzzo armato. È formato da due pannelli in EPS di alta densità uniti e distanziati fra loro da tralicci metallici. I pannelli di larghezza standard con altezza di progetto, vengono posati accostati e costituiscono una struttura rigida pronta a ricevere il getto. La posa in opera avviene manualmente e viene facilitata da appositi profilati ad “U”. I pannelli dei muri perimetrali sono preparati in fabbrica con la lastra esterna opportunamente più alta di quella interna alla quota della soletta finita. Grazie al traliccio in ferro tridimensionale inglobato nel pannello, non è necessaria alcuna casseratura supplementare. Un semplicissimo strumento a lama calda permette di scavare rapidamente e in modo netto le tracce necessarie alla posa delle canalizzazioni elettriche e idrosanitarie. CARATTERISTICHE Il pannello Plastbau ®-3 possiede un’armatura verticale opportunamente integrata con armatura orizzontale, consente di realizzare strutture in c.a. monolitiche rendendo la costruzione Antisismiche. La sua alta Versatilità permette di adattare il sistema alle esigenze del progettista, con gli opportuni calcoli. Queste ed altre soluzioni permettono di ridurre i costi di realizzazione, di migliorare il design e il comfort abitativo degli edifici.Si può inoltre raggiungere il valore di isolamento ai rumori aerei, atraverso l’utilizzo dei pannelli, che hanno un elevato Potere Fonoassorbente. Anche il Potere Termoisolante è molto elevato e varia a seconda dello spessore delle due pareti di polistirene espanso. Collegato all’alto potere termoisolante è il fattore risparmio.

Ancoranti meccanici anche per zona sismica – NWS

Bossong

Ancoranti meccanici anche per zona sismica – NWS
Nella sezione degli ancoranti meccanici, l'azienda Bossong propone la tipologia NWS, adatta anche alle zone sismiche, con calcestruzzo fessurato e non. CARATTERISTICHE L'ancorante passante Bossong presenta un filetto esterno per carichi medio pesanti. L'applicazione è rapida per fissaggi passanti. I diametri vanno dai 6 ai 27 mm. L'espansione è controllata mediante l'applicazione della coppia di serraggio. La fascetta di espansione presenta alette antirotazione. Si tratta del tipo di fissaggio più comune, ideale per il settore carpenteria metallica, impiantistica e serramenti, oltre che essere ideale per il calcestruzzo e la pietra naturale resistente alla compressione.La versione inox è la più adatta se si vuole ottenere una certa valenza estetica e nel caso di installazioni in ambienti industriali acidi o marini per salsedine, o in qualsiasi contesto di elevata aggressione chimica all’acciaio. In caso di applicazioni speciali, l'azienda è in grado di fornire qualsiasi misura.

Consolidamento terreno

Antolini

Consolidamento Terra Keystone
L'azienda Antolini propone muri di contenimento economici, sicuri ed eleganti grazie al sistema Keystone, ideale per strutture solide ed esteticamente gradevoli. CARATTERISTICHE Il sistema Keystone viene proposto in alternativa ai gabbioni, ai muri di contenimento gettati in opera e alle lastre di calcestruzzo. I blocchi, che hanno la stabilità di una gabbionata, sono molto leggeri e facili da manipolare, e possono essere posati in opera molto più rapidamente dei gabbioni e delle strutture a guscio di calcestruzzo. I blocchi non necessitano stuccature o applicazioni di malte, ma sono progettati con un sistema di collegamento con PIN in fibra di vetro. Grazie a questo collegamento e all'uso combinato di geogriglie e blocchi Keystone, il sistema permette la costruzioni di un muro ad altezze superiori ai limiti dei semplici muri a gravità. Il collegamento blocco-pin-geogriglia garantisce efficacia e resistenza a livello statico, certificate dall'azienda Keystone Retaining Wall System. Inoltre la soluzione a blocchi posati a secco risulta essere estremamente elegante, facilmente in armonia con ogni contesto.

Connettore Perimetrale+Massetto.

Laterlite

Sistema di consolidamento dei solai
Negli interventi di ristrutturazione degli edifici in muratura, I solai hanno un ruolo fondamentale per il consolidamento statico e antisismico degli edifici, grazie alla formazione della cerchiatura perimetrale che evita il ribaltamento delle pareti e alla formazione della soletta collaborante interconnessa al solaio esistente che crea un piano rigido. In particolare, l’obiettivo è quello di realizzare interventi tali da ottenere il “comportamento scatolare” del fabbricato esistente. L’efficace collegamento tra i solai e le pareti è indispensabile per assicurare la continuità strutturale degli elementi portanti dell’edificio: al solaio il compito di ridistribuire al meglio le forze orizzontali sulle pareti, formazione del piano rigido, oltre a evitarne il ribaltamento. Caratteristiche La realizzazione di una nuova soletta collaborante leggera, collegata al solaio esistente grazie al contributo dei Connettori CentroStorico Legno, Acciaio, Calcestruzzo, Chimico e alla muratura con Connettore CentroStorico Perimetrale, incrementa la sicurezza antisismica dell’edificio. Inoltre, la nuova soletta collaborante in Calcestruzzo Leca, collegata al solaio e alle pareti esistenti tramite i Connettori CentroStorico e Perimetrale, consente di ridurre il peso gravante sulle strutturesino al 50% rispetto a una soluzione tradizionale. Grazie anche al contributo dei massetti e sottofondi alleggeriti Leca, il sistema assicura positivi effetti sia sulla riduzione delle masse oscillanti durante l’evento sismico che sull’aumento della portata utile del solaio.

Installazione ruregold intradosso solaio

Laterlite

Sistemi di rinforzo strutturale | Ruregold
Ruregold di Laterlite è una società leader nel settore del rinforzo strutturale e possiede una profonda conoscenza del mercato della ricostruzione edile e manutenzione infrastrutturale, grazie al rilevante know-how maturato in quasi 20 anni di esperienza. Ruregold concentra le proprie energie nell’evoluzione di nuovi sistemi per il rinforzo delle strutture in calcestruzzo e muraturacon materiali compositi d’eccellenza, in particolare la gamma FRCM con rete in PBO e Carbonio e matrice inorganica che, per prima al mondo, ha ottenuto la certificazione di validazione a livello internazionale. Caratteristiche I sistemi di rinforzo strutturale FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) sono costituiti dall’accoppiamentodi una fibra lunga a elevate prestazioni e diuna matrice inorganica cementizia stabilizzata impiegatacon la funzione di adesivo: un passo avantirispetto ai sistemi tradizionali FRP con matrice compostada resine epossidiche. Nei sistemi di rinforzo FRCM di Ruregold vengono impiegati due diversi tipi di fibre strutturali, carbonio e PBO (poliparafenilenbenzobisoxazolo), entrambi materialisintetici che presentano proprietà meccaniche adalte prestazioni in grado di assorbire gli sforzi generatidai sovraccarichi e dagli eventi eccezionali, quali i terremoti. La gamma comprende anche i sistemi di rinforzo FRP con tessuti e lamine pultruse in fibre di carbonio e matrice epossidicacostituiti dall’unione di una fibra lunga ad alte presta­zioni meccaniche e di una matrice avente funzione di adesivo tra fibre e supporto che consente il trasferimento delle sollecitazioni dalla struttura alla fibra. L’intervento di placcaggio delle murature, mediante la tecnica dell’intonaco armato – sistema CRM - permette l’incremento della capacità portante e sismo-resistente delle pareti grazie all’utilizzo di reti in fibra di vetro e specifiche malte per il ripristino e il consolidamento delle strutture in muratura che permettono di intervenire soprattutto nel caso in cui le murature siano gravemente danneggiate o incoerenti, purché siano posti in opera i necessari collegamenti trasversali ben ancorati alle armature poste su entrambe le facce della muratura. La gamma si completa con prodotti e soluzioni per il ripristino e preparazione del supporto in calcestruzzo e muratura per i successivi interventi di rinforzo strutturale, Microcalcestruzzi HPFRC fibrorinforzati con fibre di acciaio e sintetiche per interventi di rinforzo strutturale di pilastri, travi, nodi trave-pilastro e cappe di rinforzo e presidi antisfondellamento dei solai X Plaster.

Le Strutture architettoniche pilastri del progetto edilizio

Le strutture portanti sono fondamentali per sostenere il carico di un edificio e garantire la sua stabilità. Devono essere progettate tenendo conto delle specifiche esigenze dell'edificio, come il tipo di carico che dovranno sopportare, le condizioni climatiche della zona e i materiali disponibili. Ad esempio, in edifici più alti, potrebbero essere necessarie strutture più complesse per gestire il carico verticale e le forze laterali del vento. L'innovazione nelle tecnologie costruttive ha portato a sviluppi significativi nelle strutture portanti, con l'uso di materiali avanzati che offrono resistenza e flessibilità, come il calcestruzzo armato, l'acciaio strutturale e materiali compositi.